Crea sito

Basketful of Heads: Il miglior comics horror 2019 – Recensione

Per IT è stata una stagione straordinaria come del resto per tutto il franchise a tema, quindi non c’è momento migliore per DC Comics di lanciare nuovi e terrificante impronte horror. Sotto la supervisione dello scrittore horror Joe Hill (Locke & Key ) e dal disegnatore italianissimo Leomacs (TexBattaglia), Basketful of Heads.

Basketful of Heads è semplicemente una grande opera ben strutturata. La storia – composta da 7 numeri ed esordita negli Stati Uniti il 30 ottobre – segue le vicende di June Branch, giovane ragazza intrappolata con quattro criminali che decapita con l’aiuto di un’ascia vichinga sovrannaturale dell’Ottavo secolo. Ma la morte di questi elementi non porta sollievo a June, infatti ogni testa staccata avrà una storia da raccontare alla ragazza che si ritroverà a doversi far strada attraverso le loro bugie e manipolazioni per salvare il proprio ragazzo.

Dopo aver letto i primi due numeri (in originale) di Basketful of Heads, posso affermare che quest’opera si trova comodamente seduta all’ombra dei migliori a tema fumetti horror. E quando mi ci sono seduto io, affianco, con Joe Hill e Leomacs al comando, mi ci sono trovato straordinariamente bene.

Adoro l’horror in tutte le sue forme e negli ultimi anni, fortunatamente, hanno dato l’opportunità a molti film dell’orrore di venire alla luce. Ora, con Basketful of Heads, vivremo delle storie tremendamente oscure e profonde.

Figlio della leggenda dell’orrore, il Re, Stephen King,  Hill continua a fare riferimento alle opere di suo padre. Un filo conduttore che continua a legare le opere di padre e figlio in un unico “universo” pieno di orrore. Ma al di là delle connessioni con Shawshank, Basketful of Heads  è un bellissimo arazzo con un inizio pronto per essere gustato e un finale che farà sicuramente non poco discutere.

La capacità di Hill di creare vere relazione e ridimensionare le “battute” poliziesche/classiche, dandogli nuova vita, con un attitudine particolare a metterci faccia a faccia con la triste realtà dei fatti e di scoprire corpi martoriati in maniera cruda, non ha eguali. L’arte di Leomacs è coinvolge al massimo, invitante e, pagina dopo pagina, geniale. Il cambio di palette di Stewart da caldo a freddo, con l’ultima pagina che ci mostra l’ascia pronta a cadere, accompagna benissimo i disegni rimanendo coerente sempre con tutto il contesto. 

Basketful of Heads  inizia con successo la nuova serie limitata in un’atmosfera tipica degli anni ’80 che funziona davvero bene per immergere i lettori in una vera storia dell’orrore.

VOTO