Crea sito

Come la gente normale – Recensione

Come la gente normale

Come la gente normale, edito in Italia da Edizioni BD, è la tanto premiata opera di Hartley Lin che più attendevo. Le aspettative dopo la lettura sono state ripagate ampiamente. Infatti, l’opera è una rivelazione! Una graphic novel che racconta la generazione dei millennial, entrata nel mondo del lavoro in un periodo particolare e mostra, in maniera ben delineata, quelle che sono gli effetti e le ripercussioni di una vita professionale a discapito di quella privata.

…Sempre più vengon meno le cose, quelle da viversi, perché ciò che le butta per sostituirle è un fare alla cieca. Un fare sotto croste che docilmente saltano appena che l’interno lavorio dà fuori e si pone altri limiti. Tra i magli resiste il nostro cuore, come resiste la lingua tra i denti che resta tuttavia, tutto malgrado, per lodare.

Frances è una giovane paralegale che ha appena varcato la porta di un rinomato studio. Da li a poco, la ragazza, si accorge che l’ambiente lavorativo non è dei più rilassanti, anzi, proprio il contrario. Si ritroverà a svolgere dei compiti in tempi ristretti e con il massimo rigore. In seguito ad alcune dinamiche, viene subito assegnata come assistente a un eccentrico manager che dirige i suoi collaboratori con richieste al limite dell’assurdo. Vickie, la coinquilina, è completamente diversa da Frances. Infatti, le due ragazze sono agli antipodi. Nonostante questa differenza, le due amiche si confidano sempre le proprie giornate e le proprie incertezze. Ma Frances sarà pronta anche a perdere la sua migliore amica nonché unica valvola di sfogo? Ovviamente non vado oltre e vi invito, già da subito, a scoprire questa magnifica opera.

L’esperienza di praticantato si rivelerà per Frances sempre più un inferno.

Se ancora non è chiaro, Come la gente normale intende riflettere le problematicamente attorno alle ipertrofie sociali e culturali della nostra contemporaneità. Ipertrofie che toccano ambiti in cui si manifesta una realtà ben diversa da come immaginiamo. Nella fattispecie, quella lavorativa.

Ormai, il moderno mondo del lavoro, pone molte sfide a chi ne fa parte. Mentre alcune carriere consentono un’interazione rilassata tra lavoro e vita privata, molte altre richiedono considerevoli rinunce nell’ambito del tempo libero e della vita privata. Ma fino a che punto si può rinunciare? Questa è solo una delle tante domande che potrete porvi leggendo l’opera.

La narrazione in Come la gente normale è molto fresca ed efficace. Infatti, la modernità e la semplicità (nonostante alcuni tecnicismi legali) con cui si legge l’opera, può da questo angolo visuale essere interpreta come “soffocamento” (sensazione che sentirete emotivamente in quanto la capacità dell’autore di scrivere verità, vi farà calare nei panni della povera Frances), ma anche come critica di uno sviluppo concepito linearmente, per far spazio al tanto desiderato: “dar tempo anche ad altro”. Insomma uno sviluppo narrativo che attraversa i troppi straordinari o pressioni disumane, alla ricerca di un disperato work life balance più motivato e più produttivo. Ma tranquilli, l’obiettivo di Frances sarà quello di “trovare se stessa”, di trovare un posto per il suo cuore in questa brutale realtà.

La vera forza motoria della scrittura di Hartley Lin, come detto, risiede nel far vivere al lettore la “corsa” di Frances nel tentativo di trovare la sua strada e ottenere il tanto agognato spazio/tempo per l’amicizia, l’amore e la vita nonostante un lavoro schiacciante. Infatti, leggendo vivrete, sensazioni parlando, quel carico allo stomaco e quel senso di pressione, immedesimandovi quindi nel personaggio. tutto questo con uno svolgimento semplice e profondamente umano. Hartley ha un talento impressionante per la creazione e la caratterizzazione dei personaggi.

I disegni di Lin strizzano molto l’occhio allo stile franco-belga e sono molto semplici ma ricche di particolari significativi che vengono espressi attraverso i più piccoli dettagli come le rughe sulla fronte o gli occhi di alcuni personaggi, realizzati semplicemente con un cerchio bianco e privo di pupilla che va a significare l’essere automa di un meccanismo sociale/lavorativo. Le ambientazioni, seppure il fumetto sia interamente in bianco e nero, sono maniacalmente perfette.

La qualità dell’edizione Italiana che ricordiamo essere targata da Edizioni BD, è eccezionale. Il volume si presenta in un elegante cartonato, la scelta dell’utilizzo della carta è sempre impeccabile. Il rapporto qualità prezzo eccezionale.

In conclusione, Come la gente normale può essere definito un fumetto realistico o uno spaccato di vita, ma io ho un modo migliore per descriverlo: verità disegnata! Una storia su come crescere e capire che l’età adulta non è proprio la matrice di avventura e stupore che ci si potrebbe aspettare, anche quando realizziamo i nostri sogni. 

Continuate a seguire le nostre news, sulle pagine social Facebook e InstagramTwitter e Telegram per non perdervi mai nulla! Playgamesitalia