Crea sito

Mashle: Magic and Muscles – Recensione

Mashle: Magic and Muscles – di Komoto Hajime – Recensione

Mash è un ragazzo privo di magia, in un mondo in cui praticamente tutti la possiedono, e viene usata per fare ogni cosa, incluse le più banali azioni, come servire la birra o lucidare le scarpe. Il livello di potere magico determina lo status sociale, ed essere privi di magia è considerato uno stigma. Mash, non può usare la magia, ma si gode una vita tranquilla con suo padre. Un giorno però, la loro vita è messa in pericolo!

Quasi sicuramente, voi che state leggendo questa recensione, vi sembrerà tutto avvolto nel mistero. Tanto l’autore quanto il titolo! Ma facciamo una’attimo il punto della situazione. Annunciato tempo fa sulla rivista Shonen Jump e grazie al rilascio mondiale su MangaPlus di Shueisha, possiamo leggere Mashle: Magic and Muscles.

Quando si tratta di una nuova serializzazione, il primo capitolo ha un numero di pagine praticamente doppio rispetto alla consuetudine, ed ha ottenuto il posto d’onore in copertina della rivista.

La lettura inizia con un’introduzione al mondo in cui Mashle è ambientato. Nel corso dei capitolo si mette subito in chiaro diverse cose: primo, egli è molto forte fisicamente; secondo, l’impostazione dell’opera è palesemente shonen, e quindi con dei limiti fisici che non esistono. Infatti, Mash è un ragazzo privo di magia, in un mondo in cui praticamente tutti la possiedono e dove viene usata per fare ogni cosa, incluse le azioni più banali come versarsi un tè (vi ricorda Black Clover?).

Lo stato sociale si determina attraverso il livello di potere magico. Di conseguenza, essere privi di magia viene considerato non solo uno sfigato tra gli sfigati ma uno stigma. Cioè un fenomeno sociale che attribuisce una connotazione negativa ad un individuo (ancora Black Clover?) Mash, sotto la guida del padre, un simpatico e vivace vecchietto che sa un po’ di Maestro Muten, e che sviluppa una forza fisica sovrumana. Ovviamente questo per compensare la mancanza di magia. Da qui in poi, una serie di (dis)avventure e dinamiche varie, porterà Mash a prendere una decisione molto importante sia por lui che per suo padre.

L’umorismo presente in Mashle: Magic and Muscles, praticamente dalla seconde pagina, fa intendere che è un punto forte dell’opera. Ma non quell’humor no sense, ma di quello geniale. Infatti la capacità di rendere gli aspetti più divertiti basandosi sui tabù e sull’ignoranza sociale, il risultato è fenomenale. Ovviamente non mancano momenti più drammatici, con flashback di una miscela tipica dei migliori shonen.

La narrazione è un’introduzione continua, quasi didascalica e quindi ricca di dettagli e particolari che vengono spiegati. Questo sia per quanto riguarda la trama, che i toni che il manga segue. Sicuramente una nota positiva e un pregio per cui l’autore potrebbe benissimo vantarsi.

L’impatto artistico è forte soprattutto quando Mash praticamente si muove, si allena o combatte. Il risultato della dinamicità, esempio, di quando fa esercizi con i pesi, è sublime. Sembrano quasi muoversi e andare su e giù veramente. Belle anche le inquadrature ad effetto con mezzi primi piani e primi piani con le classiche frasi ad effetto. Una piccola postilla da fare presente è la poca presenza di sfumature. Infatti in Mashle: Magic and Muscles sono presenti molti neri pieni e molto meno sfumature. Questo permette alle celle di avere piu ampiezza e “pulizia”.

In conclusione, Mashle: Magic and Muscles è sicuramente una bella sorpresa che sa intrattenere nonostante le fortissime similitudini con Black Clover di Yūki Tabata, dalla quale si differenzia dall’ambientazione che è più moderna rispetto al classico fanatsy di BC. Poi c’è Albus Silente (alone di mistero). Corbellerie a parte, Mashle risulta essere un mix dei migliori manga tra cui anche One Punch Man con l’humor di ONE. Dai bei disegni e dal ritmo accattivante, non vediamo (e incrociamo le dita) l’ora che qualche editore Italiano lo annunci.

VOTO
  • Mashle Magic and Muscles (5)

Continuate a seguire le nostre news, sulle pagine social Facebook  e InstagramTwitter e Telegram per non perdervi mai nulla! Playgamesitalia