Crea sito

Nailbiter 5: Legame di sangue – Recensione

Nailbiter 5

Nailbiter 5: Legame di sangue – Recensione

Siamo tornati a Buckaroo, per scoprire la verità  –  o almeno avvicinarci – sulla nascita dei Serial Killer. PlaygamesItalia, continua questa avventura insieme a voi lettori, tramite le nostre recensioni.

Nailbiter, è una serie scritta e creata da Joshua Williamson e Mike Henderson, e viene pubblicata negli States, dalla Image Comics. In Italia, la serie è proposta in versione brossurata dalla casa editrice Saldapress.

La Saldapress, ci propone cosi questo quinto volume intitolato “Legame di sangue”:

“Buckaroo, in Oregon, ha dato i natali a molti famigerati serial killer, ma il peggiore è senza dubbio il Mangiaunghie. Possibile che proprio lui abbia una figlia di cui nessuno sapeva nulla? Possibile che le ricerche di Alice per scoprire la verità sulle proprie origini possano condurre a scoprire la verità su Buckaroo e su quella inspiegabile concentrazione di killer seriali?
Il nuovo capitolo di uno dei thriller-horror più acclamati dalla critica e dal pubblico. Un capitolo decisivo, in attesa dell’ultimo e sorprendente ciclo di storie.”

Prima di cominciare a leggere la recensione vi consigliamo, se non lo avete già fatto, di recuperare le recensioni precedenti cliccando QUI.

Questo quinto volume si apre, con un ritorno al passato. Esattamente ci troviamo del passato del Mangiaunghie, che sembra essere alla ricerca di risposte tanto di essere andato a cercare un noto Macellai di Backaroo, che ora è misteriosamente scomparso, Mister Fatal. Qui qualcosa va storto.

Tornando al presente, il Mangiaunghie è appena stato rilasciato, la Barker rinchiusa in manicomio. Qui Finch, propone a Warren, di andare insieme a Buckaroo per riuscire finalmente a scoprire i segreti che si celano al di sotto della cittadina. Nel frattempo, Alice si è ripresa, ma oramai è stata marchiata come nuovo Macellaio, tanto che dei ragazzi arriveranno a farle delle cose orribili.

Il Mangiaunghie, scoprirà di essere padre, e farà di tutto per trovare Alice e far in modo che lei non diventi il prossimo Macellaio. In questo numero, fanno la loro apparizione, anche altri Macellai, come la Bionda. Warren, farà vedere alla figlia, un posto che non ha fatto vedere ne alla Crane ne a Finch. Il luogo dove nascono i serial Killer. Qui verremo a conoscenza del passato e del reale scopo di questo posto: perché sia stato creato e cosa abbia a che fare col Dottor Glory e con il “Progetto White Chapel”. Non vogliamo dirvi troppo ma vogliamo lasciarvi alla lettura del volume.

Qual è il segreto che si cela dietro la nascita dei Macellai di Buckaroo? Chi è il Padrone?

Williamson ancora una volta, continua a tessere la sua tela, senza dire mai troppo e riuscendo a mantenere il lettore vigile e attento ad ogni nuova situazione che si presenta.. Il ritmo è serrato, non lasciando mai nulla al caso, e in questo, l’autore è quasi una guida per il lettore, facendogli apprendere poco alla volta tutti i pezzi che poi comporranno il puzzle finale: Il segreto di Buckaroo. Notiamo anche il fatto che nelle prime pagine, avviene un crossover, con un’altra testata Image Comics, Hack/Slash, grazie all’incontro del Mangiaunghie con Vlad e Cassie.

Artisticamente, Mike Henderson, continua a realizzare tavole davvero ben fatte. Tratto preciso, tavole in cui si notano le varie emozioni che vivono i vari personaggi. Ottimo l’utilizzo dei colori, soprattutto quelli scuri che la fanno da padrone all’ interno di questa serie horror. Elemento fondamentale della serie: il sangue. Non manca, anzi c’è né in abbondanza, insieme a tutte le scene splatter e di smembramenti che vediamo all’interno della serie.

Ci avviciniamo alla fine di questa avventura, e forse alla scoperta del segreto che avvolge questa città. Lo scopriremo con la recensione del prossimo e ultimo volume.

VOTO

(compralo su Amazon.it)

Continuate a seguire le nostre news, sulle pagine social Facebook  e InstagramTwitter e Telegram per non perdervi mai nulla! Playgamesitalia