Crea sito

Outer Darkness: Dentro la tenebra #1 – Recensione

Oggi parleremo di Outer Darkness, un nuovo titolo, pubblicato in Italia da Saldapress, in un ottimo formato cartonato di pregio.

Outer Darkness – Dentro la tenebra, è creato da un team formato da John Layman (Chew, Aliens, Eleanor e l’airone) e Afu Chan (The Immortal Iron Fist) per la casa editrice americana Skybound.

Cosi ci viene presentato il primo volume, ‘’Gioco al massacro’’, da Saldapress nella versione italiana:

‘’L’umanità ha colonizzato con successo la galassia. Ma lo Spazio, in tutta la sua smisurata vastità, è tutt’altro che un luogo sicuro. Così, quando il Capitano Joshua Rigg e l’equipaggio della nave stellare Charon partono per una disperata missione di salvataggio nelle profonde oscurità dello Spazio, si imbattono in fenomeni destinati a sconvolgere la loro missione e la loro esistenza: possessioni demoniache, fantasmi e orrorifiche presenze cosmiche che popolano la zona dello Spazio conosciuta da tutti come La Tenebra. Così, gli uomini e le donne della missione devono presto fare i conti con una drammatica realtà: là fuori, nell’Universo sterminato, tutto ciò che incontrano vuole ucciderli. ‘’

Noi, di Playgamesitalia, abbiamo intrapreso la lettura di questo primo volume. Risulta essere un buon lavoro, con tanti presupposti e una buona trama di fondo. Diciamo qualcosa di diverso da quello che oggi offre il panorama fumettistico.

Come si legge dalla sintesi, ci troviamo davanti un’opera che non ha nulla a che fare con le solite trame di fantascienza e di viaggi interstellari, come magari siamo abituati con Star Trek. Certo all’interno di questa storia troviamo un’organizzazione intergalattica che ha iniziato a colonizzare i pianeti abitabili e una nave che dovrà affrontare un viaggio interstellare. Ci sarà sempre qualcuno con cui i protagonisti si dovranno scontrare, e in questo caso avremo dei demoni, che vogliono, letteralmente, mangiare o possedere qualsiasi essere vivente.

Questo potremmo dire essere la prima grossa differenza dalle solite storie sui viaggi interstellari. Inoltre a bordo della nave, oltre a un equipaggio di cui fanno parte specie e razze diverse, sono presenti anche dei gruppi di matematici e di esorcisti. I matematici: grazie alle loro ‘’equazioni’’ riescono a creare campi quantici. E gli esorcisti: che si preoccupano di esorcizzare qualsiasi creatura che cercherà di salire a bordo. Proteggendo così la nave e l’equipaggio da tutti i demoni che troveranno sulla loro strada. Oltre a questi due gruppi abbiamo anche una megera, che probabilmente dovrà prevedere future situazioni poco piacevoli che attenderanno il nostro equipaggio, oltre al classico corpo di fanteria. Un’altra particolarità di questa storia, è proprio nel motore, dove non troviamo un reattore materia/antimateria, come in Star Trek, ma bensì un motore-dio. Questo, ovviamente, richiede delle particolari attenzioni per poter funzionare.

In questo primo volume, il capitano Rigg, salirà a bordo della Caronte, una delle navi intergalattiche più avanzate della flotta. Lo scopo? Intraprendere un viaggio che lo porterà attraverso sistemi solari demoniaci fino ad arrivare dentro La Tenebra per recuperare un carico prezioso. Durante il suo viaggio si ritroverà in situazioni sgradevoli, come l’insubordinazione del suo equipaggio e i vari scontri con i demoni che porteranno la nave a dover fare un atterraggio di emergenza. Qui si scopriranno situazioni poco piacevoli che riguardano alcuni membri dell’equipaggio, oltre che alla morte di altri.

Vi accorgerete che questa è una serie splatter, cioè mostra spargimenti di sangue senza aver alcun pudore.

John Layman crea una storia frizzante, senza mezzi termini nei dialoghi, con dei buoni presupposti per i prossimi volumi e per un buon sviluppo. Infatti la trama prevederà non pochi colpi di scena, morte e una serie di disavventure. Tutto questo è accompagnato dai disegni a colori di Afu Chan, che enfatizzano la storia e le azione che ci ritroviamo a leggere. Il tratto è lineare, senza sbavature. I colori scuri aiutano a rendere l’atmosfera più cupa e adatta alla trama, che usa come suo punto di forza, un ambiente demoniaco.

Complessivamente, questo primo volume di Outer Darkness, funziona. Il team creativo crea un atmosfera leggera e divertente, per una buona storia di fantascienza, un po’ fuori dai soliti canoni. Scopriremo sicuramente sul prossimo volume come si evolverà la storia. Noi, non vediamo l’ora di leggerlo e recensirlo!

VOTO