Crea sito

Patrik Sättermon e Javier Zafra di Fnatic su Rebranding recente, LEC 2020

Nascosto proprio dietro il palco del campionato europeo League of Legends (LEC), c’è una parete della placca che mostra i vincitori della competizione di ogni stagione, dal 2013. Solo tre nomi si possono trovare: i vincitori di  Alliance, gli attuali campioni europei G2 Esports e la squadra più longeva della lega: Fnatic . 

I giocatori e lo staff di quest’ultimo si sono naturalmente spostati nel corso degli anni, così come il simbolo poggia sulle loro maglie. Fnatic ha svelato il suo ultimo marchio durante la giornata di apertura di LEC 2020, sfoggiando una direzione simbolicamente “più nitida” e “evoluta” per l’azienda. 

Patrik Sättermon, un ex professionista di Counter-Strike , nonché capo funzionario e comproprietario di Fnatic, dichiara:

Pur avendo 16 anni come azienda, siamo ancora una startup

Javie Zafra, entrato recentemente come direttore di League of Legends per Fnatic, racconta:

Verso il 2020, il gruppo di proprietà che abbiamo ora creato, il consiglio di amministrazione, il team di gestione senior, siamo posizionati per cogliere l’opportunità che ancora sentiamo che è lì. Credo che questo marchio sia più aggiornato con il design di altri. Si adatta meglio a dove stiamo andando, e anche come diceva Patrik, anche se sembriamo ancora una startup, stiamo creando buoni passi per il futuro.

Zafra, che ha ricoperto ruoli operativi in ​​più team, quest’anno è stato uno dei tanti nuovi assunti, insieme a Alexander Hugo; co-fondatore dell’organizzazione tedesca di Esport PENTA e del punto vendita della League of Legends , The Shotcaller. 

Sättermon:

Quello che stiamo guardando è prenderci in carico le infinite modifiche che devi fare negli Esports. Penso che sia solo una parte di questa narrativa in cui, sì, abbiamo fatto abbastanza bene in passato, ma abbiamo appena iniziato.

Fnatic non solo ha vinto la metà delle diciassette divisioni stagionali totali ad oggi nella LEC, nel 2017 è stata la prima squadra non dell’Asia-Pacifico ad arrivare alla finale dei Campionati del Mondo. Ciò esclude anche la sua vittoria ai primissimi mondi nel 2011, quando League of Legends era molto meno globale.

Operativamente, Fnatic è stata una delle prime squadre al di fuori della Corea del Sud o della Cina a spostare i suoi giocatori dalla casa da gioco a uno spazio ufficio (o studio di gioco), nel 2017, quando ha anche provato a allenare i giocatori dell’Accademia. 

Probabilmente possiamo scrivere un libro su quell’anno in termini di quanto fossero impegnate e folli le cose, ma le cose sono andate abbastanza bene”, ha osservato Sättermon.

Tutti i team LEC competono dallo studio di Riot Games a Berlino e, con poche eccezioni, quei giocatori vivono in città per tutta la stagione agonistica. Mentre gli alloggi condivisi sono tradizionalmente raddoppiati come spazio di addestramento, un numero crescente di squadre nella LEC, così come la sua controparte nordamericana, la League of Legends Championship Series (LCS), ha giocatori che vivono vicino a una vera e propria struttura per uffici.

 Sättermon continua dicendo:

Non possiamo perdere troppo in questo momento, ma le strutture sono una parte molto importante non solo del lato sportivo di Fnatic, ma di come vogliamo portare tecnologia, innovazione e anche fare qualcosa per la base di fan.

Fnatic ha annunciato l’anno scorso di aver raccolto $ 19 milioni di dollari in un round di finanziamento di serie A , guidato da Lev Leviev del gruppo LVL1, con investitori aggiuntivi tra cui Beringea, Blackpine, Unbound e Joi Ito.

Con il passare del tempo inizieremo a salire di livello e diventeremo il leader assoluto nelle strutture di Esport, sia a Berlino, sia in India, dove abbiamo un team mobile ora

Per ora, il quartier generale di Fnatic a Londra rimane il campo di allenamento per la sua squadra accademica Fnatic Rising, che combatte nel UK League Championship (UKLC), una competizione di livello due introdotta proprio l’anno scorso. Con sede nella capitale del Regno Unito, era logico che Fnatic si unisse al compagno di squadra britannico Excel, e provasse a spingere un mercato degli Esport che è ampiamente noto per il suo talento televisivo, il talento di Call of Duty e l’affinità per i giochi su console, ma non molto altro.

Sättermon, agiunge che mentre gli Esport nel Regno Unito possono essere forti a livello commerciale, il suo ecosistema è alla base dei paesi nordici, Germania, Francia e Spagna, e il coinvolgimento di Fnatic nella UKLC è solo uno dei tentativi per rafforzarlo in futuro: 

Se non sbaglio, eravamo il team ERL di maggior successo; piazzando i primi quattro posti due volte nei MasterUE e vincendo entrambe le divisioni della nostra lega locale.  Brexit o no, Londra rimarrà un posto molto centrale. Sembra abbastanza naturale per noi; non stiamo mettendo in piedi alcun confine, bandiera o linguaggio standardizzato, ma è molto naturale per noi essere basati fuori dal Regno Unito, non solo come azienda ma perché riteniamo che rifletta il mondo globale in cui viviamo.

Zafra aggiunge: 

Per noi è importante diventare un riferimento in Europa, per quanto riguarda il sistema accademico, solo per trovare nuovi talenti, ma anche per mantenerli e trattenerli e poterli inserire nel LEC in futuro.

 Fnatic e gli altri nove concorrenti LEC hanno impegnato ciascuno un minimo di 8 milioni di euro ($ 9,2 milioni di dollari) in cambio di un posto fisso in campionato e ripartizione delle entrate. Sebbene i dati finanziari rimangano vicini alla veste, Sättermon affermò che quell’anno una delle partnership fu un “enorme successo

Incentivare le squadre e, per estensione, i giocatori a pensare a lungo termine, consentirà alle persone di investire più a fondo e su un orizzonte più lungo. Può aiutare a prolungare l’esistenza e la rilevanza di un gioco? Sì.

Saremo qui nei prossimi decenni a venire. È eccitante che potrei persino invecchiare guardando la nostra squadra giocare a League of Legends o alla futura League of Legends , vincendo il LEC o una sua versione futura. 

Fnatic non ha mai affrontato la retrocessione; Zafra ha seguito il processo mentre il CEO dell’attuale team LEC Origen . Non molto tempo dopo aver preso la posizione, un cambio di giocatori ha comportato l’abbandono della squadra dal finalista della stagione.

Questo è in realtà qualcosa che può fare davvero la differenza nel modo in cui gestisci la tua attività, e può diventare difficile, e sappiamo che gli Esport stanno cambiando rapidamente. In questo modo, possiamo avere più sicurezza in termini di come organizzare piani a lungo termine, anche dal punto di vista dei contenuti con i giocatori.

Continuate a seguire le nostre news, sulle pagine social su Facebook Playgamesitalia e su InstagramTwitter Telegram per non perdervi mai nulla!