Crea sito

Samuel Stern 1 è il nuovo progetto editoriale della casa editrice romana Bugs Comics. Si tratta del primo progetto seriale di questa casa editrice e a far parte del team creativo troviamo: Andrea Guglielmino, Luca Lamberti e Riccardo Randazzo. Il fumetto dalla casa editrice ci viene presentato come:

L’incubo ha un nuovo avversario.

Nel cuore di ogni essere umano c’è un’oscurità profonda, buia e spaventosa. In quel luogo si spegne ogni ricordo della luce del giorno e con esso ogni aspettativa di speranza.

L’essere umano diventa estraneo a sé stesso e la Morte sembra il male minore. In quel vuoto dell’anima, a volte entra qualcosa. Qualcosa di antico e innominabile combattuto dagli uomini sacri delle varie tradizioni. Coloro che, spezzati dalla vita, gettati nell’Abisso, hanno avuto la forza di tornare, guardare in faccia i propri demoni e combattere quelli altrui.

Questa è la storia di uno di quegli uomini: Samuel Stern.

Ma ora parliamo in dettaglio di questo fumetto. Samuel Stern nasce, quindi, come fumetto dalla trama horror, che concentra le sue attenzioni in particolare sui demoni e sulla loro capacità di possedere le persone. Tutto questo si svolge a Edimburgo, dove ci viene presentato il protagonista senza troppi fronzoli, spiegandoci cosa fa nella sua vita, cioè, esorcizza demoni utilizzando varie pratiche, anche provenienti dall’oriente, che gli danno la capacità di mettersi in contatto con i demoni stessi così da poter accedere dentro la mente delle persone possedute. Questo è il Samuel Stern del presente ma non ci viene detto molto di chi sia o di cosa sia successo nel suo passato. Al suo fianco troviamo un prete, un prete un po’ al di fuori dei soliti canoni da parrocchiale perché capace di fare esorcismi.

In questo primo episodio, che si intitola ‘’Samuel Stern: Il nuovo incubo ’’ oltre ad esserci presentati il protagonista e quello che forse sarà il suo ‘’aiutante’’, abbiamo un vero e proprio assaggio di ciò che sarà questa serie e di ciò che fa Samuel.

L’episodio si apre con una lite furibonda tra un padre di famiglia, oramai perso negli alcolici e che affonda nei debiti, e una madre, che non riesce più a sopportare l’atteggiamento del marito. In tutto questo abbiamo una piccola bambina, di nome Mary, che assiste al tutto.

Dopo una confessione da parte della madre al prete, Samuel viene chiamato da quest’ultimo per aiutarlo in questa situazione che non è molto piacevole. Samuel si presenta insieme al prete a casa della donna, dove tutto sembra essere normale, ma quando Samuel si avvicina alla bambina, che sta giocando a prendere il tè con i propri peluche, l’atmosfera si incupisce fino a quando la bambina non arriva a mangiare una lucertola, e li Samuel capisce che la bambina è posseduta. Da chi può essere posseduta? Perché? Quale è stato il motivo scatenante della possessione? Sono queste le domande che si pone Samuel, e una volta spiegate alla madre, lei perde la testa, perché non può credere che la sua bambina sia posseduta, finché non lo vede con i suoi occhi. In tutto questo, un padre devastato dall’alcool e dai debiti si ritrova a casa un uomo, cioè Samuel, e l’unico nesso che trova e che Samuel sia lì per provarci con sua moglie.

Questo risentimento porta l’uomo a rituffarsi tra le braccia degli strozzini, dichiarando vendetta a Samuel, con l’intento di riprendersi sua figlia. Questo è quello che vuole spiegarci un po’ il fumetto, e di come l’uomo sia volubile alle proprie emozioni senza mai dar ascolto invece al cervello.

Si arriverà al momento in cui Samuel si mette in contatto con il demone della bambina, che risulta troppo forte per la bambina stessa che deve essere salvata al più presto.  Nel frattempo, vedremo un padre furibondo che insieme all’aiuto di qualche scagnozzo irrompe in casa per riprendersi la figlia. Tutto questo pero porterò alla morte degli uomini e alla fuoriuscita del demone che troverà terreno fertile nel padre, che si troverà davanti a una scelta.

Questo si può dire essere il primo episodio, che ci mostra quali sono le ambientazioni e le tematiche trattate, dove un uomo combatterà contro vari demoni per liberare le persone possedute. La sceneggiatura è incalzante con un buon ritmo e tutto sommato funziona per essere il primo numero. I disegni, hanno un’impronta italiana ma con un pizzico di americano all’interno.

Sono disegni in bianco e nero e questo fa sì che si prestino davvero bene all’ambientazione che lo sceneggiatore ha in mente, rendendo le persone , le loro paure e i demoni davvero reali e ben fatti, facendo immedesimare il lettore e quasi facendogli provare le sensazioni provate dai personaggi. Inoltre il bianco e nero, si presta davvero bene in quelle scene dove si deve giocare di luci ed ombre e questo aiuta molto la sceneggiatura, dando quella sensazione che si ha guardando un film horror. Una sensazione di apprensione per ciò che succede al protagonista e quello che gli succede attorno. Aspettiamo di saperne di più nel prossimo numero.

VOTO