Crea sito

Spider-Man 2: Linea di sangue – Recensione

Continuano le avventure del nuovo Spider-Man 2: Linea di sangue creato da J.J. Abrams e suo figlio Henry, naturalmente accompagnati dai disegni della nostra Sara Pichelli!

La serie è composta da 5 numeri in Italia, tutti in formato spillato ed editi dalla Panini Comics. Inoltre, ricordiamo che questa miniserie è ambientata in una delle tante Terre dell’universo Marvel.

In questo secondo numero, continua l’avventura del figlio di Peter Parker, Ben, alla scoperta dei suoi poteri. Tutti gli eventi si svolgono 12 anni dopo la morte di sua madre, Mary Jane, avvenuta nello scontro tra Peter e il villain, Cadaverico. Ben è cresciuto con la prozia May, poiché il padre non era molto presente, in quanto lavorava sempre all’estero come fotografo.

Scopre i suoi poteri in una rissa, dove scaraventerà un compagno contro una porta. Questo gli costerà un punizione, e qui incontrerà Faye, ma potete saperne di più cliccando qui.

La storia si apre con uno sfogo da parte di Ben con May, in quanto scopre solo ora di essere il figlio dello Spider-Man originale. Il numero prosegue abbastanza bene, raccontando dell’incontro tra Ben e Faye Ito, per la quale, lui sembra avere una cotta. Soliti problemi adolescenziali.

Continuando a leggere lo spillato, vedremo Ben indossare il costume del padre – dopo averlo disprezzato – solo per far colpo e allo stesso tempo aiutare Faye, nome in codice ‘’Marker’’, in una marachella. Qui scoperti dalla polizia, scapperanno, e Ben si vedrà costretto ad utilizzare i suoi poteri per poter sfuggire agli agenti. Questo non farà altro che attirare l’attenzione dei media e del padre – che si trova dall’altra parte del mondo – su un eroe che risultava scomparso da più di 12 anni. Ma non saranno gli unici a notarlo, perché anche Cadaverico, era sintonizzato e non aspettava nient’altro che il suo ritorno, mentre lui guariva. Questo porterà ad un attacco preventivo, da parte del suo ‘’esercito’’, durante il quale, Ben dovrà rindossare i panni di Spider-Man per poter salvare le persone vittime dell’attacco.

  • spider-man-2
  • spider-man-2
  • spider-man-2

Inoltre, vi segnaliamo, che durante questi 12 anni di assenza, Spider-Man non sembra essere l’unico supereroe ad essere uscito dalla scena, ma sembra essere successo qualcosa anche agli Avengers.

La storyline di Spider-Man 2 Linea di sangue, creata da J.J. e suo figlio, è qualcosa di fresco e nuovo, con sicuramente molte aspettative. Si nota, inoltre, la grande esperienza nel campo del cinema, poiché crea delle scene veramente suggestive, che potremmo definire ‘’scene cinematografiche’’. L’autore riesce nell’intento di seminare durante l’avanzamento della storia, delle tessere che aiuteranno il lettore, al termine della serie, a completare il mosaico da lui creato.

Tutto questo, è accompagnato da dei disegni moderni e dinamici della Pichelli, che riescono a caratterizzare al massimo i personaggi, rendendo la serie apprezzabile sotto il punto di vista artistico. Sembra quasi una zona di comfort per lei – visti i suoi lavori passati – in quanto riesce a rendere dinamica ogni azione, ogni giravolta, che il nostro amichevole ragno di quartiere compie mentre si libra nell’aria.

Per ora è tutto, aspettiamo il prossimo numero per vedere come si evolverà la storia. Noi saremo pronti a portarvi la nostra recensione!

VOTO