Crea sito

Trials of Mana – Recensione Demo

Trials of Mana – Recensione Demo

trials of mana personaggi

Mentre il mondo era avvolto nelle tenebre, la Goddess of Mana estrasse la Sword of Mana per sterminare gli otto Benevodon, dei mostri della distruzione. Intrappolò questi orrori dentro alle otto Mana Stone, salvando così il regno dal baratro. Indebolita dalla ricostruzione del mondo, la Goddess si trasformò in un albero e cadde in un sonno profondo per molti anni. Tuttavia, presto le forze del male cercarono di liberare i Benevodon per prendere il controllo del mondo. Iniziarono una terribile guerra per portare avanti il loro piano e destabilizzare i regni. La pace ormai non era altro che un ricordo. Il Mana stesso iniziò a sparire dal mondo e il Mana Tree iniziò ad appassire…

Da pochi giorni nei vari store digitali di PlayStation 4 e Nintendo Switch è possibile provare in anteprima Trials of Mana, remake del titolo originariamente pubblicato in Giappone con il nome di Sei Ken Densetsu 3 nel lontano 1995.
Il titolo, inizialmente sviluppato da Squaresoft per la piattaforma Super Famicon, vedrà una trasposizione in 3D con un comparto molto action e apparentemente molto pratico e intuitivo da giocare.

Inizia l’Avventura

La demo inizia con la selezione del personaggio con cui vorremmo intraprendere la nostra avventura e dei suoi compagni che incontreremo durante la storia, proprio in base a questa scelta la nostra avventura inizierà in luoghi diversi variando cosi in modo molto pratico l’introduzione.

Ovviamente livellando sarà possibile sbloccare determinate skill e molto probabilmente nel gioco completo vi sarà la possibilità di cambiare Job scegliendo anche se continuare a giocare seguendo la strada della luce oppure quella dell’oscurità.

Ogni città è strutturata con i vari NPC necessari per poter comprare e vendere items, in determinati luoghi potremo piantare dei semi utili durante la nostra campagna, mentre nelle locande si potrà passare la notte in tutta tranquillità.
Con questo titolo probabilmente, rispetto al deludente Remake di Secret of Mana, è stato fatto un passo avanti ma forse è ancora presto per dirlo.

Una demo poco tecnica…

Una demo poco tecnica ma concentrata sul discorso di far progredire i vari personaggi all’interno del prologo, non sarà possibile farmare eccessivamente.

Gli attacchi si riducono a una rosa di tre tipologie: gli attacchi base, gli attacchi forti e gli attacchi speciali. Sarà possibile inoltre attaccare in salto e schivare, meccanica utilissima per i combattimenti che vi costringeranno a giocare all’interno di un cerchio da cui non si potrà uscire senza aver finito la sfida.

La demo, nella sua interezza, si porta dietro problemi inerenti alle collisioni ed a palette di colori che molte volte risultano plasticosi, finendo così per rovinare l’ambiente circostante.

Le animazioni dei vari personaggi a livello di recitazione sono di livello infimo, soprattutto per essere un gioco in uscita nel 2020 ma essendo un remake di un titolo passato si potrebbe anche chiudere un occhio.

Trials of Mana non sarà disponibile in italiano ma solamente in inglese, altro fattore che ha fatto storcere il naso a molti videogiocatori interessati all’acquisto.

Ricordiamo a tutti coloro che hanno intenzione di acquistare il titolo che in alcune animazioni su PS4 vi sono delle censure mentre su quella Switch no (versione Europea).

Infine, c’è da segnalare che sarà possibile traferire i progressi della Demo al gioco completo una volta acquistato. Il gioco uscirà il prossimo 24 aprile per PlayStation 4 e Nintendo Switch sia in formato fisico che digitale.

VOTO

Continuate a seguire le nostre news, sulle pagine social Facebook  e InstagramTwitter Telegram per non perdervi mai nulla! Playgamesitalia